Terranima propone una vera e propria musica da crocevia. In essa si incrociano istanze, desideri e sogni che profumano di terre lontane e di idee esotiche, pur restando fortemente ancorata alla terra della nascita e del nòstos.
Negli arabeschi sonori creati da Abbracciante si trova un che di antico e un che di nuovo. C’è il sapore della terra salentina, generoso come un vino rosso primitivo, che pulsa, che innerva i non pochi abbandoni a idee popolari e che ribadisce il forte legame dell’autore con quella Puglia così aspra eppure incredibilmente generosa come una madre. E c’è allo stesso tempo, la gentilezza del sospiro jazz che ricorda

Astor Piazzolla con inesausta malinconia. Il disco esprime il senso di un’intera regione: colta e popolare.
Per ordire questa trama, Abbracciante utilizza lo strumento principale della musica popolare italiana, la fisarmonica, in un discorso che diventa una sola voce con chitarra, contrabbasso, percussioni, archi, ance e ottoni.

Vince Abbracciante – fisarmonica
Aldo Di Caterino – flauto
Gabriele Mirabassi – clarinetto
Nicola Puntillo – clarinetto basso
Giuseppe Smaldino – corno
Marcello De Francesco – violino
Leo Gadaleta – violino
Alfonso Mastrapasqua – viola
Giovanni Astorino – violoncello
Nando Di Modugno – chitarra
Giorgio Vendola – contrabbasso
Pino Basile – percussioni